Blog

Industry 4.0: opportunità per le aziende

Pubblicato da Francesco Malaguti in Casi Studio, Consulenza con Nessun commento

L’ammodernamento del «parco beni strumentali» e la trasformazione tecnologica e digitale delle aziende manifatturiere italiane sono due obiettivi prioritari individuati dal Piano Industria 4.0.

A tal proposito sono previsti una serie di incentivi per sensibilizzare le imprese ad orientarsi verso questa direzione.

Incentivi fiscali: Super e Iper-Ammortamento

Nello specifico stiamo parlando di Super-Ammortamento (una maggiorazione del 40% rispetto al prezzo di acquisto del bene) e Iper-Ammortamento (+150%). Quest’ ultimo si rivolge ai beni elencati nell’ Allegato A alla Legge di bilancio 2017, mentre il secondo fa riferimento ai beni immateriali contenuti nell’ Allegato B.

Al fine di poter usufruire di queste due nuove maggiorazioni (150% e 40%), l’impresa deve produrre una dichiarazione del legale rappresentante, o una perizia tecnica giurata rilasciata da un perito iscritto all’albo (se il costo di acquisizione è superiore a 500mila Euro), in cui si attesta che:

  • il bene possiede caratteristiche tali da includerlo nell’ Allegato A o B
  • il bene è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o della rete di fornitura

In aggiunta, i suddetti beni devono essere acquistati entro e non oltre il 31/12/2017, oppure entro il 30/06/2018 a patto però che entro il 31/12/2017 ci sia stata l’accettazione dell’ordine da parte del venditore e si sia versato un acconto pari ad almeno il 20% del prezzo del bene.

Va inoltre sottolineato che la maggiorazione è concedibile non solo per gli investimenti in beni materiali strumentali «nuovi» ma anche per l’adeguamento di quelli esistenti. La logica delle disposizioni in materia di ammortamenti maggiorati è anche quindi quella di voler favorire il passaggio al modello Industry 4.0 attraverso l’ammodernamento (Revamping) dei beni già presenti in azienda.

Misure ad hoc: un occhio di riguardo per Startup e PMI

Oltre ai benefici di natura fiscale sopra descritti, il Piano Nazionale Italia 4.0 prevede inoltre, tra gli altri, i seguenti elementi di vantaggio per quanto riguarda Startup e PMI:

  • detrazioni fiscali al 30% per investimenti fino a un milione di euro in startup e PMI innovative;
  • possibilità di assorbimento delle perdite da parte di altre società ‘sponsor’ per i primi 4 anni di vita delle startup;
  • detassazione del capital gain per gli investitori a medio-lungo termine.

 

Scritto da Francesco Malaguti

Francesco Malaguti

Laureato in Economia Aziendale presso l’ Università di Bologna, collabora con Artea e con la partner AD&D Consulting in qualità di stagista. Il forte orientamento alla cura per i dettagli e alla diplomazia, nel costruire rapporti di fiducia con i clienti, sono alcuni dei valori che più lo contraddistinguono.

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

  • ARTEA S.r.l.
    Bologna, via Saragozza,185 051 6146706 info@artea.it